Skip to main content

Posts

Showing posts from February, 2016

The socially constructed pheroverse

Imagine an interface much like the Construct in the film The Matrix - where you can run your own local simulator for practice or training (not necessarily fighting agents) from your biblically named hovercraft or whatever your vessel may be at that point in life.



So in it you can put all the actors, scenes and situations - as some describe in the experience of lucid dreaming, and put ourselves in them and experience them, or test out scenarios for what you will be doing in your work, or create imaginary environments and buy or create your own 3d spaces where these things take place, maybe sometimes inviting others to join in. Mostly though, it's just an extended interface with respect to today's touchscreens, mice and keyboards, for everyday use. Simulating is then freed from the domain of the dream so that we can imagine situations and train towards them. This was the intent of the Israeli army when they created the first army simulation that led to the first first person sho…

Terroni, Turkizzazione e regionalismi

Stasera sono andato a vedere Terroni O Eructos De Historia, di una compagnia teatrale italiana a Barcellona (con i sottotitoli proiettati sopra allo spettacolo, per chi guardava la versione in Spagnolo).

Credo che con i media virtuali sono condizionato a non apprezzare la qualità di quello che vedo e il teatro mi ricorda che i greci ai loro tempi già potevano avere esperienze simili senza bisogno di tutti gli aggeggi di oggi, che riempiono il giorno. Invece sono stato circondato da suoni, voci, gesta reali per 2 ore di storia, politica, arte e metafora - tutto di ottima qualità, con della musica in chitarra che punteggiava i vari atti, Musica che mi piacerebbe avere e riascoltare con calma.

La storia si centra sul momento della prima Europa industrializzata, in cui il regno delle due Sicilie venne distrutto e capovolto dall'unione dell'Italia coi suoi nuovi re. La gente fu uccisa, violentata, le fabbriche distrutte e colonne di profughi lasciarono la regione mentre i nuovi vin…